Arrestato, nella giornata di ieri, 8 gennaio, un cittadino marocchino, poco più che maggiorenne, per rapina aggravata ai danni di una donna.

Erano le 9.30 quando la Volante interveniva in via Antica Zecca dopo che una donna era stata percossa e derubata della propria borsa. 

Gli operatori, giunti immediatamente sul posto, hanno individuato la vittima, ancora in stato di shock, e acquisito una sommaria descrizione del rapinatore: magrebino, dai 18 ai 20 anni, alto circa 1.85, vestito con tuta da ginnastica e felpa grigia con cappuccio, che dopo aver colpito la donna con un pugno e averle spruzzato nell’occhio una sostanza urticante era fuggito per le vie adiacenti.

Le preziose indicazioni fornite dalla vittima, hanno consentito agli agenti di mettersi alla ricerca del giovane percorrendo tutte le vie limitrofe nella direzione di fuga del malvivente.

Giunti all’altezza di via del Varrone, percorrendo corso Alfieri, gli operatori notavano un soggetto, di spalle, corrispondente alle descrizioni fornite dalla donna. Prontamente veniva fermato, identificato e perquisito sul posto. Sotto la felpa vi era invece il portafogli della donna e circa 4 grammi di sostanza stupefacente, tipo marijuana. Nelle varie tasche sono state rinvenute diverse banconote e un telefono cellulare. 

Il giovane, dopo essere stato riconosciuto dalla vittima, è stato arrestato per rapina aggravata e lesioni e accompagnato presso la Casa Circondariale di Quarto, posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il giovane marocchino, di recente enunciato per episodi analoghi, oggi è stato anche segnalato alla Prefettura come assuntore di sostanze stupefacenti.

A seguito del sopralluogo effettuato nella zona è stato possibile rinvenire la borsa della vittima. Documenti e refurtiva trafugata sono stati restituiti alla donna.



RUBRICHE