Il progetto del Comune di Asti è arrivato secondo in Piemonte e ventiseiesimo in Italia nella graduatoria del Bando Periferie.

La pubblicazione ufficiale della graduatoria dei progetti presentati dai comuni italiani per il Bando Periferie ha premiato Asti che si è piazzata seconda in Piemonte (solo dopo il Comune di Torino) e ventiseiesima in Italia, su 120 partecipanti, precedendo sia la Città Metropolitana di Torino (trentottesima) che tutti gli altri comuni capoluogo del Piemonte (Biella è trentesima, Alessandria settantesima, Cuneo settantunesima).

I primi 21 progetti sono finanziati con i fondi stanziati dalla legge di stabilità dello scorso anno, gli altri (Asti in primis) con quelli stanziati dalla legge di stabilità per il 2017 appena licenziata dal Parlamento. "È stato fatto un ottimo lavoro. - dichiara il sindaco Fabrizio Brignolo - Dobbiamo fare i complimenti ai nostri uffici che oltretutto hanno dovuto lavorare a tempo di record. L'ottimo risultato nel Bando Periferie conferma che il Comune di Asti ha finalmente acquisito una buona capacità di cercare con successo finanziamenti pubblici".

Sarà finanziata la videosorveglianza cittadina (600.000 euro) che si arricchirà di ventidue nuove telecamere collegate con fibra ottica a questura, carabinieri e polizia municipale, posizionate agli ingressi in città. In collaborazione con le imprese di Confcooperative, per un importo di 4.430.000 euro, sarà realizzato in piazza d'Armi un edificio composto da 24 alloggi che saranno assegnati dai Servizi Sociali del Comune A un canone sociale calmierato pari ad euro 3,90 al metro quadro. Il principale intervento di decoro urbano sarà realizzato in viale Pilone (550.000 euro). All'attenzione del progetto anche le scuole: saranno realizzate le nuove sezioni alla materna Debenedetti (500.000 euro) e sarà rimessa a nuovo la Lina Borgo (510.000 euro), alla Pascoli si renderà nuovamente fruibile la palestra (380.000 euro).  Un nuovo campo da basket e calcetto sotto la tettoia del parco Ferriere Ercole (255.000 euro) risanerà, inoltre, quest'area verde. Verranno ampliati e risistemati gli spogliatoi del complesso sportivo della Jona e sarà totalmente rimessa a nuovo la palestra di via Momti.

Sono previsti, infine, un progetto di lotta alla disoccupazione con tirocini e borse lavoro e un vasto piano di accompagnamento sociale.

 

 



RUBRICHE