E' giunta in redazione una segnalazione da parte di un lettore che denuncia lo stato di completo abbandono di strada Gazogeno, via sterrata al di sotto del cavalcavia Giolitti, dove è presente anche l'ingresso di un deposito comunale.

Diverse le segnalazioni di chi abita proprio su quella strada già fatte alla Protezione Civile, che aveva provveduto allo sgombero dei cumuli nei mesi e anni passati, ma la situazione attuale è
particolarmente critica per almeno due ragioni: sporcizia e criminalità.

La strada sterrata, che da corso Venezia permette di raggiungere direttamente Via Cuneo, attraverso l'innesto su Via Ecclesia, costeggia la palazzina in cui una volta c'era l'Italgas: non essendo
asfaltata versa in condizioni pietose, con numerose buche che rendono il transito difficile. Su questa strada sono già avvenuti degli episodi di rapine, tra cui uno ai danni di una 90enne, che
rientrando in auto fu fermata da dei balordi che, con una scusa banale, hanno cercato di introdursi in casa sua e solo per la prontezza dell'anziana i due non sono riusciti nell'intento, rapinando comunque la donna della borsetta.

Per quel che riguarda l'immondizia, il nostro lettore segnala che "fino a poco tempo fa la "discarica" era localizzata anche all'interno del deposito comunale, il cui ingresso, perennemente aperto ne permetteva l'accesso e facilitava lo scarico abusivo al suo interno di lavatrici, mobili, sofa, etc. Da un mesetto a questa parte, è stato messo all'ingresso del deposito stesso un blocco di cemento per evitarne l'accesso, ed ora vi si trovano due lavatrici, un frigorifero, sacchi e mobili in totale stato di abbandono sulla strada, come testimoniano le foto scattate nella mattina di oggi, lunedì 26 dicembre.

IMG 20161226 111215

"Credo sia una vergogna che un angolo della città versi in queste condizioni - denuncia il cittadino - e che il Comune abbia voltato lo sguardo davanti ad un problema noto, e prendendo come unica contromisura quella di impedire l'accesso al proprio deposito. Credo che un miglioramento della strada sterrata in primis potrebbe permettere un maggior passaggio di auto verso le abitazioni di corso Cuneo, e porterebbe automaticamente ad un maggior controllo della zona - che visti i casi o tentative di rapine e furti in abitazione registrati, meriterebbe sicuramente anche l'installazione di una videocamera o di un sistema di sorveglianza (ricordo l'esistenza del deposito comunale) adeguato."



RUBRICHE